domenica 13 gennaio 2013

Scorre il tempo. . .



Velocissimo, va via... sembra ieri fosse Natale ed invece il Carnevale è alle porte.
In questo periodo, sperando che le feste passassero ancora più in fretta portandosi via un anno non brillante, ho giocato un po', cercando di ritrovare dentro di me la pace che sempre mi dà quando mi immergo nella mia Serendipity ma che ultimamente era venuta a mancare.
Ci sono riuscita. Lavorare mi ha fatto bene. Il peso delle mancanze in queste feste, se pur doloroso, è stato superato dal vedere quei gioielli dei miei 4 nipotini crescere amati. Loro sono la vita che prosegue. E nei loro occhi ritrovo quello non ho più, forse perché niente si perde completamente...

Ho giocato, quindi. E anzichè pensare ai vari pranzi delle feste mi sono divertita e ho pensato a far star bene me. Insomma... la mia Serendipity si è trasformata in un atto di puro egoismo. :)

Sono nati, quindi, questi biscottini natalizi.



Terminati praticamente subito, un attimo dopo aver finito di decorarli... Felice comunque che siano stati apprezzati.

Nei giorni precedenti mi ero anche dedicata alla preparazione di due fruit cake, seguendo indicazioni  e ricetta che Eddie Spence dà sul suo libro, e consultandomi, naturalmente, con la mia D.
L'idea iniziale era quella di servirla a tavola così com'era, "nuda"... non avevo troppa voglia di dedicarmi a una decorazione. Invece, all'improvviso, l'ispirazione e la voglia di realizzare una torta decorata per la sola gioia dei miei cari ha preso il sopravvento. E in breve tempo, non sapendo neanche troppo bene cosa fare, è nata dalle mie mani questa...






La prossima volta, tempi permettendo, proverò a rivestirla di ghiaccia. In vero stile inglese.
Sono comunque contenta perché è un dolce buonissimo, con dei profumi intensi ed un sapore morbido eppure deciso, dato dal liquore e dalle spezie. Agli adulti è piaciuta molto. Il divertimento più grande dei bambini, invece, è stato quello di mangiare i pezzi del collar ridotto in frantumi. Per loro "quello" era il dolce. :)
L'espressione incantata e un po' stupefatta di tutti, quando ho portato il dolce a tavola, è stata la mia più grande soddisfazione, il mio "regalo di Natale".
Questa la foto dopo l'assaggio... :) 


Pubblico solo ora questo post perché il computer ha pensato bene di abbandonarmi pochi giorni prima di Natale e solo da un paio di giorni è arrivato il nuovo.
I miei auguri saranno superati ma li lascio lo stesso a chi passerà di qua.

Vi auguro in questo nuovo anno di essere amati, di amare e di trovare in voi stessi la felicità. Buon 2013 







6 commenti:

  1. meravigliosi, hai le mani d'oro! buon anno nuovo anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, sei gentile. Auguri cari a te!

      Elimina
  2. Gabri...le tue creazioni sono pura poesia ! A Natale mi han regalato dei libri inglesi che mi han fatto subito pensare a te. Se ci vediamo al coquicompleanno te li portò. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cri, ciao carissima. Magari riuscissimo a vederci ma maggio è lontano, chissà... :)
      Se vuoi puoi farmi un regalo mandandomi i titoli via email.
      Un abbraccio e un bacino

      Elimina
  3. semplicemente opere d'arte! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tilli, grazie! Mi piace ripetere che le opere d'arte per me sono altre ma forse in ognuno di noi c'è un po' di arte che può essere espressa. E questo è il mio modo... :)

      Elimina